Our partners: cialis acheter sans ordonnance, acheter du viagra en france, achat levitra france pharmacie

Marco Mariano, L’America nell’“Occidente”. Storia della dottrina Monroe (1823-1963)

L’America nell’“Occidente”. Storia della dottrina Monroe (1823-1963)

Marco Mariano

Roma, Carocci, 2013, 230 pp.

America Occidente

Recensione di Matteo Sanfilippo*

Nell’arco di un decennio la Carocci, casa editrice romana, è diventata uno dei maggiori produttori di testi universitari sulle Americhe in genere e sugli Stati Uniti in particolare. Quasi tutti noi ci siamo serviti dei libri di Ferdinando Fasce (da I presidenti USA, quarta ristampa nel 2011, a Le anime del commercio. Pubblicità e consumi nel secolo americano, 2012, seconda ristampa nel 2013) e del vasto quadro letterario tracciato in Il Novecento USA. Narrazioni e culture letterarie del secolo americano (2009) a cura di Sara Antonelli e Giorgio Mariani, senza dimenticare i recenti Leggere Melville (2013) di quest’ultimo e Leggere Twain di Cinzia Schiavini. Inoltre gli storici hanno utilizzato negli ultimissimi anni: Oltre il secolo americano? Gli Stati Uniti prima e dopo l’11 settembre (2011), a cura di Raffaella Baritono ed Elisabetta Vezzosi; Lucia Ducci, Stefano Luconi e Matteo Pretelli, Le relazioni tra Italia e Stati Uniti. Dal Risorgimento alle conseguenze dell’11 settembre (2012); David W. Ellwood, Una sfida per la modernità. Europa e America nel lungo Novecento (2012); Federico Romero, Storia internazionale dell’età contemporanea (2012).

Nella scorsa annata la Carocci ha continuato a pubblicare su questi argomenti: Elisabetta Bini, La potente benzina italiana. Guerra fredda e consumi di massa tra Italia, Stati Uniti e Terzo mondo (1945-1973), e Federica Morelli, Il mondo atlantico. Una storia senza confini (secoli XV-XIX). Ha così confermato di non essere semplicemente interessata alla sola dimensione statunitense, quanto al ruolo degli Stati Uniti nella vicenda mondiale, ovvero agli Stati Uniti come perno della storia più recente ed elemento fondamentale di una vicenda in primo luogo atlantica, che è divenuta di sempre maggior rilievo per noi docenti e per noi italiani ed europei.

Senza continuare in una pubblicità, della quale la Carocci non ha bisogno, visto il numero di ristampe di alcuni dei libri citati, tanto più sorprendente in quanto di norma i libri di storia italiani vendono poche centinaia di copie, concentriamoci invece sul tema delle relazioni atlantiche. Affrontando la pubblicistica e la saggistica italiana sugli Stati Uniti risalta come esso sia sempre studiato dal punto di vista di questo lato del mondo occidentale: si vedano le rassegne bibliografiche sugli ultimi venticinque anni raccolte dal Centro Interuniversitario di Storia e Politica Euro-Americana all’indirizzo http://www.cispea.org/Sezione.jsp?idSezione=153&idSezioneRif=5, nonché i saggi nel numero speciale sulla storia transtlantica della newsletter C’era una volta l’“america”, http://www.cispea.org/allegati/newsletter5.pdf). Mariano rovescia questa impostazione e si chiede quale sia la prospettiva statunitense, in che modo veda il mondo chi inventa e poi applica la dottrina Monroe.

Nell’introduzione ricorda come “[l]a dottrina Monroe, che definisce la sicurezza degli Stati Uniti in termini fortemente segnati da considerazioni legate allo spazio e alla collocazione fisica del paese nel mondo, non è comprensibile se non in relazione alle mappe mentali dei suoi autori e successivi interpreti, e il suo impatto non è misurabile se non in riferimento alle metageografie, alle nozioni prevalenti sul posto dell’America nell’emisfero occidentale e nel mondo atlantico su cui si basava e che contribuì a rafforzare” (p. 13). Ora “autori” e “interpreti” della dottrina ritoccano instancabilmente queste mappe mentali e dunque il libro cerca di ricostruire non solo la politica estera degli Stati Uniti, dalla fine del periodo rivoluzionario alla chiusura dell’esperienza kennedyana, ma anche la continua rielaborazione di cosa sia e dove sia l’America, di cosa sia e cosa contenga l’Occidente, di come questi due termini si completino, si confrontino, possano persino contrapporsi.

Un aspetto centrale di questa continua rielaborazione è legato al fatto che la dottrina in questione non nasca come tale: James Monroe, quinto presidente degli Stati Uniti, non riteneva particolare il suo settimo messaggio annuale al Congresso. Invece le sue parole del 2 dicembre 1823 stabiliscono un principio base della successiva politica estera: l’opposizione a nuovi tentativi di colonizzazione europea delle Americhe. Tali tentativi erano, però, intesi in senso lato, dunque non soltanto occupazione di territori, ma anche pressione ed egemonia diplomatica o economica. Ne discendeva la necessità che gli Stati Uniti impedissero alle potenze europee di intervenire nelle vicende interne delle repubbliche americane. L’oceano doveva effettivamente dividere il Vecchio dal Nuovo Mondo, mentre gli Stati Uniti dovevano guidare le sorelle latino americane appena liberatesi dal dispotismo europeo.

Monroe non si sarebbe mai aspettato che i temi del suo discorso potessero divenire la base di una “dottrina”. Tale passaggio avviene in realtà nel corso del tempo e grazie all’intervento di una serie successiva di autori che raffinano e mettono a fuoco quello che secondo Mariano diventa la “grande narrazione identitaria” e il “testo sacro della politica estera” statunitense (p. 83). Paradossalmente tale sforzo è compiuto circa venti anni dopo il discorso presidenziale, quando ormai gli Stati Uniti si sono riavvicinati all’Europa, ma hanno bisogno di tratti distintivi per affermare la propria importanza sulla scena internazionale e il proprio ruolo di fratelli maggiori dell’America latina.

Tenuto conto di questi inizi e della loro casualità, la dottrina Monroe diventa per Mariano una cartina di tornasole che gli permette di mettere in evidenza come nel corso del tempo integrazione transatlantica e opposizione fra Nuovo e Vecchio mondo si intreccino. Anche in questo caso molto avviene inconsciamente e in una sorta di triangolazione continua, spesso psicologicamente affannosa e ossessiva, fra Stati Uniti, America latina ed Europa. Di conseguenza quando Kennedy si oppone alla penetrazione sovietica a Cuba è ancora un monroviano, nonostante che in un intervento del 1962 invece ironizzi esplicitamente sulle ide di Montoe. Tuttavia a questo punto le cose iniziano a cambiare per sempre, perché ormai l’America latina vede negli Stati Uniti il pericolo imperialistico che nel secolo precedente era stato rappresentato dall’Europa e gli Stati Uniti hanno sempre più difficoltà a farsi giudicare un benevolo fratello maggiore.


* Matteo Sanfilippo (Firenze 1956, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.) insegna Storia moderna all’Università della Tuscia. Si occupa di migrazioni di uomini e di idee fra vecchio e nuovo mondo. Ha recentemente pubblicato assieme a Paola Corti L’Italia e le migrazioni (Laterza 2012) e curato assieme a Daniele Fiorentino Stati Uniti e Italia nel nuovo scenario internazionale 1898-1918 (Gangemi 2012) ed assiema a Martin Pâquet e Jean-Philippe Warren Le Saint-Siège, le Québec et l’Amérique française. Les archives vaticanes, pistes et défis (Presses de l’Université Laval 2013).

 

© 2013 Iperstoria - ISSN 2281-4582

Une fois cette étape franchie, le psychanalysant devenu sujet retrouve et prend soin de son désir sexuel génital, son couple va cialis pas cher pharmacie pouvoir fleurir à nouveau, à l’image de son désir qui s’épanouit, tant son désir sexuel que dans tous les autres champs de sa ou acheter du viagra france vie. C’est la question à laquelle La Méthode scientifique va tenter de répondre aujourd’hui. Aucun foyer chrétien ne doit quel site pour acheter cialis demeurer dans ce chaos. L’intervention se réalise en clinique en ambulatoire: Le désir féminin, quant à lui, répond plus à acheter clomid france l'amour ou au désir de l'autre. C’est un processus d’évolution tout à fait fascinant. (Il pensait aussi que l'orgasme était lié à la diarrhée.

L’arrivo di un figlio altera i ritmi, le abitudini, gli orari e il più delle volte cancella lo spazio erotico all’interno della coppia, ma soprattutto il come acquistare cialis senza ricetta desiderio viene completamente assorbito dalla stanchezza fisica e mentale il giochino, il consumo di pornografia in rete, il pornoshop. Soprattutto negli uomini, la maca http://www.pillolehelp.com/comprare-viagra-online.html tende ad aumentare il desiderio sessuale. Secondo una Ricerca della Stanford, Chi Consuma Cannabis Fa Più Sesso Molti testi che descrivono gli esercizi pelvici elencano viagra meno costoso tra i risultati l’aumento delle dimensioni del pene. Questa cifra comprende sia gli utilizzatori a scopo terapeutico che quelli a scopo ricreativo. Senza dubbio, un Prezzo Cialis in Italia farmaco simile (precoce, maneggevole, efficace e sicuro) è un grande aiuto per le coppie, perché il benessere di una coppia è fortemente influenzato dal benessere a livello sessuale.

le vostre erezioni diventeranno naturalmente più frequenti e più forti nella misura in cui cambierete il vostro stile di vita verso uno stile sano sia nell’attività fisica, costo priligy in farmacia sia nell’alimentazione, sia nella relazione.

Ces ports disposent d’équipements ultramodernes notamment pour la gestion des conteneurs et les aménagements industrialo-portuaires sont particulièrement importants. Il ne faut oublier que les exercices physiques qui renforcent les abdominaux acheter tadalafil sont fortement conseillées. kamagra pas cher tu as vécu des relations sexuelles sans partage, sans proximité réelle, sans rien échanger. Nombreuses sont actuellement les pilules permettant de guérir l’impuissance masculine. Sur la sexualité aussi, on est plein d’idées reçues.

Noto una tendenza a considerare il calo della libido come normale, come se fosse il risultato fisiologico dell’invecchiamento: Gli scienziati hanno anche determinato che potrebbe esserci un beneficio dove comprare il cialis evoluzionistico nell'omosessualità, chiamato ipotesi di selezione stabilizzante. È anche importante osservare che l''area di dosaggio e non consentono lo strumento per farlo e provare un po '' (minorenni) bambini. evitare di masturbarsi e ridurre il numero di rapporti sessuali. Certamente puoi tentare di risolvere questo problema con degli integratori alimentari ma, una bella dormita non sarebbe affatto acquistare cialis soft una cattiva idea!

Il suo stesso nome scientifico Panax Ginseng ne rivela le proprietà, in latino infatti panax significa panacea cioè rimedio per tutti i mali, Ginseng in cinese significa radice della vita o radice dell’uomo, per la sua forma vendita cialis antropomorfa. Parlando in modo specifico le componenti di queste viagra online italia capsule, essi sono rappresentati dagli elementi: Come sviluppare il tatto per migliorare il rapporto sessuale Tuttavia, è importante notare che mantenere una buona forma fisica presenta delle implicazioni anche al livello fisiologico sottostante. Al riguardo, l’esempio della relazione cosiddetta poliamorosa. Ovviamente, occorre chiedere se stessi, „faccio tutto per rimanere in una buona condizione fisica?”.

Comprar cialis en farmacias espanolas, Cialis generico en andorra, Cialis 10 mg precio, Donde comprar cialis en internet, Vendo cialis mexico, Comprar tadalafil madrid, Cialis farmacias similares, Cialis se puede comprar sin receta, Venta cialis españa generico, Cialis donde comprar online, Cuanto cuesta cialis con receta, Cialis vademecum, Cialis 20 mg comprar, Donde comprar cialis generico, Cialis andorra precio